Targa I.M.A.H.R. per il “made in Italy” in ristoranti di Londra

Targa I.M.A.H.R. per il “made in Italy” in ristoranti di Londra

66
SHARE

L’associazione I.M.A.H.R. creerà una sua targa speciale da consegnare a quei ristoranti di Londra che comprano e servono prodotti di alta e indiscutibile qualità italiana.

Lo ha deciso la sezione britannica dell’associazione (la sigla sta per Inter
national Maîtres Association Hotel Restaurant) il 2 dicembre scorso durante una riunione all’Hotel Holiday Inn di Wembley, alla presenza del delegator di sezione Rocco Lavattiata e del vicepresidente vicario Carmine Supino. Erano corsi all’appuntamento quasitutti i soci e in particolare vari ristoratori italiani come Giovanni Gurrieri (ristorante Amerigo Vespucci), Luigi Romano (ristorante “Spaghetti Tree”) e Bernardo Stella (Hotel Restaurant “La Gaffe”).

Si è discusso soprattutto del ‘Made in Italy’ in campo agroalimentare e vinicolo e di come promuoverlo al massimo sulla scia delle tante esposizioni, presentazioni e manifestazioni che si sono tenute in tutta Londra durante gli ultimi mesi.

I soci Sergio Cappello e Filippo Bruno hanno proposto un programma per il 2019 che punta ad associare i giovani italiani attivi ella industria alberghiera e specialmente ristorativa. Al momento la sezione britannica di I.M.A.H.R. vanta nelle sue fila tre chefs: Enzo Olivieri, Carmelo Carnevale e Vittorio Ricco. L’obiettivo è di aumentarne il numero.

La riunione s’è conclusa con i complimenti al delegato Rocco Lavattiata e a Luigi Romano per aver ricevuto numerosi riconoscimenti e premi da parte di organizzazioni britanniche.

L’evento è stato accompagnato da un abbondante buffet, annaffiato con squisiti vini e alla fine con grappa e liquori vari. C’e’ stato anche un quiz sull’IMAHR, seguito da una tombola. Il vice-presidente Carmine Supino ha annunciato che il prossimo congresso dell’associazione è in calendario a Tropea in Calabria dal 21 al 25 Febbraio prossimo.

La Redazione