Avvocati italiani a Londra discutono su contributi previdenziali in patria

Avvocati italiani a Londra discutono su contributi previdenziali in patria

Grazie a seminario organizzato dal Console Generale Villani

56
SHARE

Gli avvocati italiani attivi nella metropoli britannica si sono riuniti il 13 dicembre al Consolato Generale d’Italia a Londra per discutere un tema di grande importanza e attualità per la loro categoria e cioè il versamento di contributi previdenziali in Italia da parte dei legali che esercitano la propria professione all’estero.

L’evento è stato organizzato dal Console Generale Marco Villani in collaborazione con la rappresentanza di AIGA (Associazione Italiana Giovani Avvocati) a Londra, con il Comites (Comitato Italiani all’Estero) di Londra e con lo studio legale anglo-italiano Slig Law LLP. Oltre 70 avvocati italiani che esercitano la professione nella capitale del Regno Unito vi hanno partecipato.

Si è trattato del primo di una serie di seminari che saranno organizzati dal Consolato Generale su temi d’interesse per la comunità degli avvocati italiani a Londra e, più in generale, in Inghilterra e Galles.

All’evento del 13 dicembre sono intervenuti il Console Generale d’Italia in Londra Marco Villani, il Presidente Nazionale di AIGA Alberto Vermiglio, il Delegato di AIGA Londra Andrea Eletto, il Presidente del Comites di Londra Pietro Molle, il Presidente della Cassa Forense Nunzio Luciano ed il Dirigente della Cassa Forense Angelo Strano. Ha moderato l’incontro Alessandro Gaglione, Solicitor partner di Slig Law e Segretario del Comites di Londra.

In particolare, l’avv. Luciano ed il Dott. Strano hanno informato i presenti sulle normative e sulle procedure che regolano il pagamento dei contributi previdenziali in Italia da parte degli Avvocati che esercitano la propria professione all’estero ed hanno risposto alle molteplici domande dei presenti. L’evento si è poi concluso con un rinfresco offerto dal Consolato Generale.

La Redazione