TRASFERIRSI IN UK: DAL 2021 SISTEMA A PUNTI (E A OSTACOLI)

TRASFERIRSI IN UK: DAL 2021 SISTEMA A PUNTI (E A OSTACOLI)

860
SHARE
Email: gabriella@mgbelegal.com

Sono residente in Italia ed ho deciso di trasferirmi in Inghilterra a gennaio 2021. Ho letto che sarà più difficile trovare lavoro, è vero?

Si, purtroppo è vero. 

Alle ore 23:00 del 31 dicembre 2020, il Regno Unito dira’ addio al “free movement”, cioè alla libera circolazione di persone garantita fino ad ora dalla normativa dell’Unione Europea.

  Questo significa che il trattamento attualmente riservato ai cittadini extra-comunitari, che hanno bisogno di un visto di ingresso o di un permesso di soggiorno per lavorare o studiare in UK, verrà esteso anche agli europei. 

  Si potrà ancora venire a visitare le bellezze della Gran Breatagna, ma ci si potrà fermare per un massimo di sei mesi consecutivi, e non sarà possibile svolgere attività lavorative o di studio, con poche eccezioni tra cui ad esempio, brevi corsi di lingua inglese o incontri d’affari. 

  Per poter lavorare, si dovranno soddisfare i requisiti del nuovo sistema a punti, che entrerà in vigore all’inizio del 2021. 

Innanzitutto sarà necessario assicurarsi un’offerta di lavoro, generalmente prima di entrare nel Paese. Tale offerta potrà essere fatta solo da società basate nel Regno Unito che siano munite di una speciale licenza, la “sponsor licence” rilasciata dall’Home Office. 

  Poi bisognerà dimostrare padronanza dell’inglese, ed infine guadagnare uno stipendio minimo, stabilito dall’Home Office a seconda del tipo di mansioni eseguite. 

  Una volta ottenuto il visto di ingresso o il permesso di soggiorno a scopo lavorativo, non sarà possibile licenziarsi senza prima ottenere un’altra offerta da un’altra società abilitata a sponsorizzare lavoratori stranieri.

  In caso contrario, la perdita dell’impiego farebbe venire a mancare la condizione essenziale per cui il visto o permesso è stato elargito.

  Il nuovo sistema a punti non sarà applicabile agli europei che già vivono in UK prima della fine del 2020. 

  Se possibile, quindi è meglio trasferirsi prima della fine di quest’anno, in modo da poter fare domanda di pre-settled status ed assicurarsi la possibilità di lavorare, studiare o aprire una propria attività senza bisogno di permessi dai requisiti piuttosto complessi e dal costo elevato.

   Il pre-settled status è gratuito, ha una validità di cinque anni, al termine dei quali si potrà presentare domanda di settled status, che permetterà di rimanere nel Regno Unito senza limiti di tempo.