QUANDO LA NATURA SI SPOSA CON LA FANTASIA

QUANDO LA NATURA SI SPOSA CON LA FANTASIA

77
SHARE

“FANTASTIC BEASTS” AL NHM DI LONDRA

   Al Natural History Museum, che ha riaperto i battenti lo scorso 17 maggio dopo lunghi mesi del lockdown, è possibile immergersi nel mondo fantastico di creature inventate con addentellati reali apre grazie a “Fantastic Beasts”, una mostra che si propone come fantastica attrazione per tutta la famiglia e – Covid permettendo – rimarra’ aperta fino al prossimo 3 gennaio.

      Rispolverando fossili di animali insoliti o estinti, che fra l’altro erano la passione di Richard Owen, fondatore del NHM, e rivestendoli di aloni magici alla maniera di JK Rowling, si ha un fantasioso connubio di Harry Potter con il regno animale che, grazie anche ad animazioni spettacolari e avanzata tecnologia, non può mancare di affascinare grandi e piccoli. 

    La mostra non vuole essere la celebrazione del film “Fantastic Beasts”, ma è indubbio che ci pesca a piene mani, citando lo stregone zoologo Scamander del libro fin dall’inizio e, fra le righe, facendo intravedere come la Rowling abbia attinto anche lei a piene mani dalle creature favolose e mostruose rammentate nei testi antichi, tipo le arpie, le chimere, le sirene greche o i calamari giganti e i serpenti marini di Verne…Contemporaneamente dimostra che anche la Natura può essere fonte di infinite sorprese e 300 ricercatori del museo hanno rovistato fra volumi antichi ed esemplari fossili che testimoniano l’esistenza di animali a dir poco insoliti, che hanno ispirato miti di creature magiche. Vedi i Draghi, che “discendono” dai dinosauri, e i 5 metri di pelle di coccodrillo nella teca della prima sala, o i famigerati Unicorni e i lunghi corni intarsiati di avorio conservati sotto vetro. Vedi le Sirene e il corpo mummificato di un torso di scimmia cucito a una coda di pesce o lo spettacolare scheletro di un calamaro gigante di 8 metri. Tutti esemplari per stuzzicare la curiosità e riportarci sul piano reale, per esempio facendo ammirare alcuni esemplari delle 200.000 specie di insetti e farfalle che esistono in natura o la collezione di ragni e altri animali veri che esprimono la fantasia della Natura.  

   A questi sono associate le bestiole inventate e descritte da Scamander, come quelli che proteggono gli alberi o quelli che vivono nelle teiere, rimbalzando l’attenzione del visitatore da animali reali come iguane e armadilli riesumati nel museo, a quelle scaturite dalle fantasiose deformazioni della Rowling. L’attenzione è anche portata a quelle specie in via di estinzione come le tigri della Malesia o i falchi della Nuova Zelanda, cosicché la mostra diventa anche una esperienza educativa per conoscere e proteggere la Natura, troppo spesso offesa dall’uomo, nonché riscoprire animali storici esistiti molto prima di Harry Potter, che tuttavia contribuisce a riportarli in vita in questo “magico” viaggio zoologico, fantasticamente allestito in questo splendido museo.         

MMoss