Una donna (nipote di Prodi) al vertice della CGIE

Una donna (nipote di Prodi) al vertice della CGIE

93
SHARE

   Per la prima volta una donna al vertice della rappresentanza degli expats italiani: l’impresa e’ riuscita a Chiara Maria Prodi (nipote dell’ex-premier Romano Prodi), eletta Segretaria Generale del Consiglio Generale degli italiani all’estero (CGIE). Succede a Michele Schiavone, scomparso lo scorso 30 marzo.

     Quarantacinque anni, nata a Parma e residente a Parigi, finora vicesegretaria CGIE per l’Europa, Maria Chiara Prodi era l’unica candidata e lo scorso 18 giugno l’Assemblea Plenaria dell’associazione l’ha eletta al primo scrutinio a larga maggioranza.
  “Questo mondo – ha dichiarato la neo-segretaria generale CGIE – ha bisogno di scoprire il gioco di squadra e trovarsi su schemi che possano essere a beneficio di tutti.C’è tanto lavoro da fare ma sono fiduciosa. Mi rimbocco le maniche e spero che davanti a noi ci sia un bellissimo futuro per far sentire la voce degli italiani all’estero, che oramai rappresenta il 10% della popolazione italiana, e scoprire che è una voce propositiva, con voglia di collaborare e di restituire al nostro Paese, a cui siamo ancora tanto attaccati”.
  Maria Chiara Prodi è al suo secondo mandato nel Consiglio generale. È Direttrice della Maison de l’Italie alla Cité internationale universitaire di Parigi, dopo quasi vent’anni a servizio dell’organizzazione musicale in luoghi d’eccellenza (Radio France, Festival d’Aix-en-Provence, Opéra Comique). È stata Presidente delle Acli (Associazioni Cristiane dei Lavoratori Italiani) in Francia. È tra i fondatori del circolo del PD di Parigi ed è stata anche membro dell’Assemblea Nazionale del Partito Democratico per cinque anni e della direzione nazionale per un anno e mezzo.

   La nipote dell’ex-premier Prodi auspica un CGIE “trasparente e interessante, un posto dove le persone vogliono stare”, dove si esprimano “capacità di collaborazione, uno sguardo alto e una bella progettualità” per intercettare quel “95% di connazionali che non ci ha votato”, ha aggiunto, riferendosi al fatto che alle ultime elezioni dei Comites ha votato appena il 5% degli aventi diritto.

   L’Assemblea Plenaria che ha plebiscitato Chiara Maria prodi e’ composta da 43 Consiglieri in rappresentanza delle comunità italiane all’estero e da 20 Consiglieri di nomina governativa.

LaRedazione