Gragnano, Capitale della Pasta

Gragnano, Capitale della Pasta

Una visita da non perdere

432
SHARE
Spaghetti alla Nerano
Spaghetti alla Nerano

È affascinante come ogni piccolo comune italiano sia famoso per un prodotto gastronomico  o per una ricetta tipica locale. La Campania, grazie al suo clima ed al suo terreno,  è in grado di riempire un paniere di eccellenze italiane famose in tutto il mondo.  Primo fra tutti la pasta di Gragnano. Questo comune a 40 km a sud Napoli è il centro della produzione più rinomato per la manifattura della pasta di altissima qualità. Qui piccoli laboratori artigiani e pastifici a diffusione sia nazionale che internazionale producono un prodotto dal sapore e consistenza speciali grazie alle acque della falda acquifera locale. Gragnano è definita la Patria della Pasta e fra le tante ditte presenti sul territorio, Garofalo è fra le più antiche essendo stata fondata nel 1789 quando con Regio Decreto il signor Michele Garofalo ottenne la concessione esclusiva per la produzione della pasta. Molti formati della Pasta Garofalo hanno sulla confezione il sigillo di garanzia “ Pasta di Gragnano IGP”.

   Sempre restando a Gragnano, un’altra specialità gastronomica è il Provolone del Monaco DOP, prodotto sin dal 1700 da pastori che si trasferirono dal Vomero ai Monti  Lattari. Gragnano è uno dei comuni dove questo tipo di formaggio può essere prodotto, insieme a Massa Lubrense,  Castellamare di Stabia e Sorrento, per nominare i luoghi più famosi. Il  Provolone del  Monaco è uno degli ingredienti principali degli spaghetti alla Nerano, piatto creato  negli anni Cinquanta, secondo una delle leggende più diffuse, da una ristoratrice di nome Maria Grazia nella baia di Nerano. Un piatto per soddisfare l’appetito del Principe di Sirignano meglio conosciuto come Pupetto durante il periodo d’oro di Capri. Un piatto con tre semplici ingredienti, zucchine fritte, provolone del Monaco e foglie di basilico usando rigorosamente gli spaghetti.  Per chi avesse difficoltà nel reperire il provolone può supplire con parmigiano reggiano. Ultimamente in molte moderne ricette si è visto l’uso di unire il provolone con il parmigiano. Anche Eduardo De Filippo e Totò erano degli estimatori di questo piatto semplice e allo stesso tempo delizioso.

  Assolutamente da non perdere a Gragnano è  la visita al Presepe Artistico nella valle dei Mulini che è generalmente aperto dal 25 dicembre al 2 febbraio. Al momento viene tenuto chiuso per via dell’emergenza COVID. In Gragnano la maestosa Chiesa  di Santa Maria dell’Assunta , conserva una scultura romanica oltre ad avere l’unico arco napoleonico in tutta la Campania, recentemente ristrutturato.

I formaggi sono un prodotto tipico di questa zona ed un altro esempio è il Pecorino di Grotta dei Monti Lattari, stagionato per un minimo di 6 mesi  ed affinato in grotte naturali. 

  Fra una scoperta gastronomica e l’altra con conseguente spesa da fare rigorosamente perché alcuni prodotti si possono trovare solo localmente, si può restare nell’area dei Monti Lattari al Resort Sant‘Angelo con Spa e ristorante a Pimonte, a 37 km a sud di Napoli, il quale con le sue 90 camere con vista sul bellissimo Golfo di Napoli sarà un punto perfetto per un week end gastronomico, in cui esplorare i paesi vicini, tutte piccole gemme nascoste ed ancora genuine.  Dopo una lunga mattinata a scoprire le bellezze locali sarà possibile riposarsi seduti davanti la piscina oppure nel Solarium per un aperitivo. La Spa con i suoi trattamenti che vanno dalla cura del viso a quella del corpo oltre a fornire un servizio di cosmesi e parrucchiere, sarà una pausa rilassante e piacevole durante il soggiorno.  Fra le varie attività è da provare le sedute di yoga e pilates organizzate sulla terrazza. La sua strategica posizione fra Napoli e la Costiera Amalfitana ne fa la tappa ideale per un soggiorno rilassante ma allo stesso tempo perfetto per visitare i dintorni.

Sant’Angelo Resort & Spa
Sant’Angelo Resort & Spa

  L’impegno sostenibile del  Sant’Angelo Resort continua oltre agli ingredienti locali usati nel ristorante, anche con l’installazione di panneli solari per la produzione di energia e una stazione per la ricarica delle auto elettriche. 

  Con la difficoltà adesso di viaggiare all’estero, non c’è migliore occasione che scoprire l’Italia e le bellezze naturali e storiche che offre. Questa è solo una delle tante mete in cui è possibile fondere relax, gastronomia e paesaggi di eccelsa bellezza.

Napoli è collegata alla Gran Bretagna con voli giornalieri diretti British Airways, Ryanair ed EasyJet.

Cristina Polizzi at tripdigest.com