Intelligenza artificiale e imprese “scale-up”

Intelligenza artificiale e imprese “scale-up”

126
SHARE

L’intelligenza artifi ciale e le imprese “scale-up” sono stati i temi al centro degli ultimi due appuntamenti del ciclo Italy4Innovation,  ideato dall’Ambasciata d’Italia a Londra nella convinzione che l’innovazione è un volano cruciale di crescita.

Di intelligenza Artifi ciale (AI) si è discusso il 24 gennaio scorso quando una folta delegazione italiana di attori istituzionali, della ricerca e del mondo accademico impegnati nell’Intelligenza artifi ciale (AI) si è ritrovata in Ambasciata con le principali controparti britanniche per scambi di valutazioni e l’approfondimento di collaborazioni bilaterali. La missione della delegazione italiana, organizzata in collaborazione con l’Ambasciata britannica a Roma e l’Uffi cio britannico UK Science & Innovation, ha permesso la presentazione dei principi cardine della prima strategia nazionale italiana sulla AI che verrà pubblicata tra pochi mesi. . L’evento della serie Italy4Innovation, intitolato “Towards an Italian Strategy on Artifi cial Intelligence. A Dialogue with UK Counterparts”, è stato una fruttuosa piattaforma di dialogo per la messa a confronto dei due sistemi di AI, illustrando le varie opportunità, sia sotto il profi lo delle collaborazioni che degli investimenti. L’Ambasciatore d’Italia Raff aele Trombetta nel suo intervento d’apertura ha ricordato l’importanza che il governo attribuisce al tema, confermata dagli specifi ci fondi previsti dalla legge di bilancio 2019 e dal gruppo di lavoro istituito al fi ne di elaborare la strategia italiana in materia.

Una analisi sulla realtà della AI in Italia e gli obiettivi che ci si pone con la prossima strategia sono stati illustrati dall‘Avv. Marco Bellezza, Consigliere Giuridico per le comunicazioni e l’innovazione digitale del Ministro dello Sviluppo economico, e dal Prof. Giuseppe Valditara, Capo Dipartimento per la Formazione superiore e per la Ricerca del Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca. Nel successivo dibattito, moderato da Roberto Masiero, Presidente di The Innovation Group, gli interventi per parte britannica hanno messo in luce i punti di forza del Regno Unito nel campo dell’Ai, che si conta di potenziare ulteriormente.

Gli interventi di parte italiana, in particolare Matteo Corbetta del MISE e la Prof.ssa Rita Cucchiara dell’Associazione inter-accademica italiana per il digitale, hanno ricordato le molte eccellenze della nostra ricerca in tema di AI e le numerose applicazioni industriali di tali tecnologie. Sono stati poi illustrati gli elementi fondanti della prossima strategia nazionale in tema di AI, sulla quale l’Italia ha cominciato a lavorare a seguito dell’adozione del Piano coordinato UE.

DSC_2019aLe imprese giovani con alti tassi di crescita, altrimenti note come scaleup, sono state invece protagoniste del quinto appuntamento della serie Italy4Innovation che ha avuto luogo in Ambasciata il 19 febbraio scorso. L’evento, organizzato in collaborazione con InnovateUK, SilverPeak, Orrick, Inventya, Fondo Italiano d’Investimento e ScaleIT e moderato dalla giornalista di Class CNBC Angela Antetomaso, ha off erto l’occasione di confrontare il mondo delle scale-up nel Regno Unito, che gode di una posizione di primato nel settore, con ben il 34% delle scale-up europee, e in Italia.

Nella Penisola diverse iniziative sono in corso per “colmare il gap”: come ricordato dall’Ambasciatore d’Italia Raff aele Trombetta, l’ultima legge di bilancio ha introdotto alcune novità importanti, tra cui la possibilità per lo Stato di investire in start-up come venture capitalist, nonché forti sgravi fi scali. Si tratta di un settore su cui è senz’altro prioritario concentrare l’attenzione: le scale-up, imprese con forti tassi di crescita e capacità di espandersi sui mercati internazionali, sono infatti un motore fondamentale dell’economia, in grado di generare elevati numeri di nuovi posti di lavoro.

Il mercato italiano delle scale-up sta crescendo e presenta interessanti opportunità di investimento, ha evidenziato il keynote speaker Mauro Pretolani (Fondo Italiano Investimento SGR): un esempio pratico è stato fornito da Federico Sargenti, CEO di Supermercato24, mentre Lorenzo Franchini ha condiviso l’esperienza di ScaleIT, nato come evento per start-up e trasformatosi in una vera e propria piattaforma per la crescita delle giovani imprese ad alto potenziale. Come sempre negli incontri Italy4Innovation, il dialogo è stato arricchito dagli interventi di qualifi cati esponenti del mondo dell’innovazione britannica: protagonisti questa volta Martin Leeming, CEO di Trakrap Ltd, e Maxine Adam (Head of Enterprise Europe Network, England, Northern Ireland and Wales, Innovate UK), che ha ricordato l’effi cacia dei vari strumenti pubblici britannici a sostegno delle operazioni di scale up e dell’importanza dei fondi europei Horizon 2020, che proprio molte imprese italiane hanno dimostrato di saper sfruttare.

L’incontro ha coinvolto un pubblico molto ampio, con la partecipazione di più di 30 scale-up italiane protagoniste fra l’altro di una specifi ca iniziativa a cura di Silverpeak e di Orrick, e di un’ampia rappresentanza di investitori della piazza di Londra, effi cacemente sensibilizzata sulle opportunità off erte dall’Italia nel campo delle scale-up.

La Redazione