Simonetta Agnello hornby presenta il suo nuovo libro

Simonetta Agnello hornby presenta il suo nuovo libro

L'ha scritto con il figlio affetto da sclerosi multipla

292
SHARE

Quando si nasce in una famiglia come quella della scrittrice Simonetta Agnello Hornby, si cresce con la consapevolezza che si è tutti normali, ma diversi, ognuno con le proprie caratteristiche, talvolta un po’ strane. Ecco quindi Ninì, sordomuta, la bambinaia Giuliana, zoppa, il padre con una gamba malata e la pizzuta zia Rosina, cleptomane  (quando l’argenteria scompare dalla tavola, i parenti le si avvicinano di soppiatto per sfilarle le posate dalle tasche, piano piano, senza che se ne accorga, perché non si deve imbarazzare…)

Questi ritratti sapidi e affettuosi sono contenuti in “Nessuno può volare” che Simonetta Agnello Horby ha scritto a quattro mani con il figlio George e che è stato presentato il 24 settembre all’Istituto italiano di Cultura di Londra. Il libro ci permette anche e soprattutto di fare la conoscenza di George, il figlio maggiore di Simonetta, alle prese con grossi problemi medici. Non è facile accettare la malattia di un figlio, eppure è possibile, e la chiave di volta risiede proprio in quel “nessuno può volare”: “Come noi non possiamo volare, così George non avrebbe più potuto camminare: questo non gli avrebbe impedito di godersi la vita in altri modi. Nella vita c’è di più del volare, e forse anche del camminare. Lo avremmo trovato, quel di più”.

Lo stesso proposito di coraggio quotidiano ci arriva anche da George, che da quindici anni convive con la sclerosi multipla. La sua voce si alterna a quella della madre come un controcanto ironico ma deciso nel raccontare i tanti ostacoli, e forse qualche vantaggio, di chi si muove in carrozzella.

Simonetta Agnello Hornby è nata a Palermo. Vive a Londra da più di 45 anni, dove esercita la professione di avvocato di famiglia. Nel 1979 ha fondato Hornby & Levy, il primo studio legale specializzato in casi di violenza nel contesto familiare, che ha pubblicato nel 1997 The Caribbean’s Children Law Project, uno studio ancora oggi di primaria importanza nel settore. È stata presidente per otto anni dello Special Educational Needs and Disability Tribunal. Il suo primo libro, La mennulara(Feltrinelli), tradotto in inglese come The Almond Picker (Penguin), è stato un bestseller internazionale, tradotto in dodici lingue e vincitore di numerosi premi. È inoltre autrice di libri di cucina e di tradizioni gastronomiche italiane.

Dopo essersi laureato in Politica e Filosofia e successivamente in Legge, George Hornby ha avuto brevi carriere come avvocato e banchiere nella City. Nel 2002, a 32 anni, gli è stata diagnosticata una rara forma di sclerosi multipla (la variante primaria progressiva). Poco dopo ha dovuto smettere di lavorare e da qualche anno usa la sedia a rotelle e il bastone per muoversi. Da allora è diventato un connoisseur di marciapiedi lisci, autobus con rampe e apprezza molto i bagni a porta larga. Fa parte di vari gruppi (Transport For All, Disability Rights UK e altri) allo scopo di agevolare e incoraggiare i disabili e i loro assistenti e famigliari a viaggiare e fare parte delle loro comunità. Nel 2015 è stato co-protagonista con sua madre Simonetta di un programma di viaggio (“Io e George””) da Londra a Palermo per Rai 3. Nel 2017 è stato coautore e coprotagonista di “Nessuno può volare” (un libro di Feltrinelli Editore e un film della tv La Effe).

La Redazione