La ministro della Difesa Trenta al Farnborough Air Show

La ministro della Difesa Trenta al Farnborough Air Show

“Siamo un grande Paese, non dimentichiamolo!”

231
SHARE

“Siamo un grande Paese, con grandi prospettive. Non dobbiamo mai dimenticarcelo!”, ha detto la Ministro della Difesa Elisabetta Trenta venuta ai primi di luglio in missione nel Regno Unito per il Farnborough International Air Show 2018.

DSC_4225aLa ministro, esponente di punta del Movimento Cinque Stelle fondato dal comico Genovese Beppe Grillo, ha fatto visita alle aziende italiane presenti alla fiera “al fine di promuovere a nome del governo un comparto che per l’Italia rappresenta un importante volano di sviluppo per l’economia reale e che significa crescita e occupazione”. Trenta ha sottolineato che l’industria aeronautica “è un pezzo importante del nostro Made in Italy, che noi vogliamo valorizzare per rendere sempre più competitiva l’Italia”.

Accompagnata dal Segretario Generale della Difesa/DNA, Generale Carlo Magrassi, e dal Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, Generale Enzo Vecciarelli nonche’ dall’ambasciatore d’Italia a Londra Raffaele Trombetta, la Ministro ha visitato lo stand dell’Associazione Italiana per l’Aerospazio, la Difesa e la Sicurezza (AIAD) e altri padiglioni tricolori.

A margine della fiera ha avuto modo di incontrare l’omologo britannico Gavin Williamson, con il quale ha discusso dei principali dossier internazionali. L’incontro – ha indicato Elisabetta Trenta – “è stato occasione per firmare uno ‘Statement of intent’, che rafforzerà DSC_4400aulteriormente la partnership a livello strategico tra il nostro Paese e il Regno Unito, ponendo le basi per una sempre più forte e proficua collaborazione in termini di difesa con importanti risvolti sul piano industriale”. “Farnborough International Airshow” si svolge in Inghilterra con cadenza biennale ed è una delle fiere di settore più importanti a livello internazionale. Funge da vetrina di presentazione delle attrezzature e soluzioni più innovative dedicate agli operatori appartenenti ai settori aeronautica, spazio, difesa e sicurezza. L’edizione 2018, dal 16 al 22 luglio, ha visto la presenza di oltre 1.500 espositori, provenienti da 100 Paesi diversi.

Anche per quest’ultima edizione si è registrata una presenza italiana molto robusta. Oltre allo stand dell’Associazione Italiana per l’Aerospazio, la Difesa e la Sicurezza (AIAD) e a quello del gruppo Leonardo, facevano bella mostra di se’ a Farnborough lo stand dell’Agenzia Spaziale italiana (ASI) e un padiglione che raccoglieva – sotto l’egida dell’ICE Agenzia e in particolare del suo direttore per il Regno Unito Roberto Luongo – 16 Start-up e PMI innovative dell’aerospazio. Non sono mancati nemmeno padiglioni rappresentativi dei distretti italiani (Campania, Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia e Umbria le regioni presenti).

L’industria aeronautica è in effetti un cruciale motore di crescita economica sia per l’Italia che per l’Europa tutta e la visita del Ministro Trenta è avvenuta all’indomani dell’annuncio di un progetto britannico-italiano per la realizzazione di jet di nuova generazione con importanti implicazioni future per il settore della difesa.

DSC_4299a (1)Nel terzo giorno di eventi è giunta in visita a Farnborough anche una delegazione della Commissione attività produttive e della Commissione difesa della Camera dei Deputati, guidata dai rispettivi presidenti, l’On. Barbara Saltamartini e l’On. Gianluca Rizzo. In serata i rappresentanti delle due commissioni parlamentari hanno partecipato, presso l’Ambasciata d’Italia a Londra, ad un incontro con i rappresentanti della comunità economica in UK, tra cui quelli del Sistema Italia. Nella serata di lunedì, l’Ambasciata ha ospitato un ricevimento per valorizzare la forte presenza alla Fiera del comparto Aerospazio-Difesa italiano, forte di oltre 80 aziende rappresentate, al quale ha presenziato la Ministro della Difesa, oltre ai vertici di numerose imprese del settore, tra cui il Presidente dell’AIAD Guido Crosetto, il Presidente di Leonardo, Giovanni De Gennaro, e l’AD del medesimo Gruppo, Alessandro Profumo.

La redazonesfondo-bianco (2) (1)