IL CIRCOLO RIEVOCA IL CASO BEBAWI

IL CIRCOLO RIEVOCA IL CASO BEBAWI

69
SHARE

E SI OCCUPA DI TEATRO ITALIANO DEL ‘900

Il 16 marzo è stato ospite de Il Circolo il Presidente Francesco Caringella, magistrato penale a Milano durante “Mani pulite” e attualmente Presidente della V sezione del Consiglio di Stato. Autore di numerose pubblicazioni giuridiche, è anche romanziere e scrittore molto apprezzato. 

  I suoi libri si ispirano a casi giudiziari veri o immaginari e per l’evento de Il Circolo egli ha scelto di presentare: Il caso Bebawi, sul famoso omicidio della Dolce Vita romana nel 1964. 

   La serata è stata un successo per la spontaneità e la piacevolezza della conversazione. 

Francesco Caringella ha spiegato come è nato lo scrittore di romanzi dal magistrato, raccontando che il magistrato penale segue la vicenda giuridica ed è paradossalmente più facile   per lui sapere CHI ha commesso il delitto piuttosto che capire il PERCHÉ è stato commesso.  Il Presidente Caringella è sempre stato attratto dagli sguardi che si incrociano al momento della sentenza tra l’imputato, generalmente dentro la “gabbia”, con le mani che stringono le sbarre, e il magistrato, il quale in un attimo esplicita il destino di questa persona come colpevole o innocente. Conclude tale riflessione affermando che come magistrato non si può indagare sul lato umano, ma come scrittore sì, si possono scandagliare le infinite pieghe dell’umanità.

  Il Presidente Caringella definisce il suo romanzo Il caso Bebawi come un thriller psicologico-giudiziario, dove racconta il processo del secolo con dovizia di particolari giuridici, esaminando al tempo stesso la psicologia dei protagonisti e tutti gli aspetti del caso che sono nascosti nell’intrigo umano.

  Durante la presentazione sono state poste parecchie interessanti domande indirizzate al Presidente sia dai giuristi collegati attraverso l’Avvocato Gianluca Sardi – co-organizzatore dell’evento – sia dai membri del book club riservato ai soci de Il Circolo. Infine, il collaboratore di CinemaItalia Uk, Lorenzo Tamburini, ha rivolto domande sulla trasposizione cinematografica di un altro romanzo del Presidente Caringella, “Non sono un assassino”, con protagonista Riccardo Scamarcio.

  La serata si è conclusa con la promessa formale da parte del Presidente di una visita a Londra, in persona, e con gioia Marina Fazzari accetta e assicura che Il Circolo è pronto ad accoglierlo il prossimo autunno.

  Il video dell’intervista al Presidente Caringella è visibile sul canale Youtube de Il Circolo e precisamente al seguente link:

  Il 24 marzo ospite de Il Circolo è stata Alessandra De Martino, accademica del teatro, professoressa alla Warwick University,che  ha presentato il suo libro “Teatro sociale del ‘900 italiano attraverso Eduardo De Filippo e Dario Fo”. 

Il campo di ricerca e di lavoro di Alessandra è la traduzione teatrale, l’adattamento dei testi, il coaching di attori, oltre a numerosi articoli e testi sull’argomento e una carriera da regista.

  Introducendo Eduardo De Filippo e Dario Fo, Alessandra ci spiega    che questi attori-autori-registi sembrano differenti, ma di fatto sono accumunati nella medesima finalità dell’impostazione scenica e dell’uso o del dialetto o di una lingua immaginaria e del  riso come  veicoli di messaggi sociali.

  Seguono le possibili differenze della mimica e della gestisca: per Eduardo sono le pause, l’immobilità, per Dario Fo è l’ipertestualità e il movimento da giullare.

 Alessandra ci mostra parecchi clip, dalle “maschere” di Eduardo all’introduzione del Mistero Buffo di Fo.

  Siamo introdotti alla “lotta sociale” di Eduardo attraverso il suo teatro, come ad esempio il riconoscimento dei figli illegittimi e l’interruzione della gravidanza: problematiche messe in scena da Eduardo con il monologo di Filumena.

  Più avanti negli anni, lo stesso impegno politico di “controinformazione” viene portato sulla scena da Dario Fo con, ad esempio, Morte accidentale di un anarchico: un’ opera politica, con gestualità giullaresca, a critica della magistratura.

  Le domande ad Alessandra sono innumerevoli, tra cui quelle sul ruolo delle donne nel teatro sociale, sul significato politico dell’umorismo, sulla differenza tra riso e ironia, sulle differenze delle traduzioni di Eduardo e di Fo in inglese e le loro rappresentazioni in Inghilterra.

 A fine serata Alessandra ci dice che  sta preparando l’ adattamento di un racconto di Stefano Benni con il Teatro“In-Stabile”, fondato da Mariano Bonetto: una regia ideata, scritta e realizzata apposta per il web. Una vera innovazione. 

  Il video completo della presentazione della prof.ssa Alessandra De Martino è visibile sul canale Youtube de Il Circolo al seguente link:


   Nonostante le restrizioni di quest’ultimo anno, Il Circolo continua a diffondere la cultura italiana e raccogliere fondi per awards, borse di studio e progetti di ricerca, come sempre ha agito negli ultimi venticinque anni. 
  Ogni vostro contributo è significativo e andrà totalmente a beneficio delle cause culturali scelte.  
   Visitate il nostro website www.ilcircolo.org.uk  per iscrizioni, donazioni e partecipazione agli eventi.

Etta