Domande all’avvocato

Domande all’avvocato

Brexit: che succede hai cittadini europei in caso di " No Deal"?

66
SHARE

Recent Photo 1 (1)Gentile Avvocato,
Ho letto che Regno Unito e Unione Europea sono giunti ad un accordo sui diritti dei cittadini in un “Withdrawal Agreement” pubblicato nel Marzo 2018. Potrebbe spiegarmi qual’è la posizione corrente dei cittadini dell’Unione Europea se non si dovesse trovare un accordo con il Regno Unito per l’uscita dall’Ue? Ho vissuto e lavorato nel Regno Unito per tre anni e sono sposato con una lettone che correntemente lavora nel Regno Unito. Kindest Regards, Federico

Gentile Federico,
Regno Unito e Unione Europea sono giunti ad un accordo sui diritti dei cittadini Europei nel Marzo del 2018 nella seconda parte della Bozza che s’intitola, “Withdrawal Agreement”. Esso provvede a tutelare i cittadini UE, le loro famiglie e i datori di lavoro. Tuttavia, è importante notare che i diritti dei cittadini Ue diventeranno legalmente vincolanti solo se Regno Unito e Unione Europea saranno d’accordo su tutti gli aspetti del divorzio. Questo include il tema dell’Irlanda del Nord e il mercato singolo. Perciò, se non si dovesse arrivare a trovare un accordo entro il 29 Marzo del 2019, il Withdrawal Agreement non sarà messo in pratica ed e’ probabile dunque che la libera circolazione dei cittadini dell’Unione Europea continuerebbe fino a quando verrà sostituita da un nuovo accordo fra il Regno Unito e la EU. La posizione corrente dopo il Withdrawal Agreement è la seguente:
• Ci sarà un periodo di transizione tra il 29 Marzo 2019 e il 31 Dicembre 2020. Ciò significa che i cittadini Ue che si trasferirebbero in Uk e i cittadini Uk che si sposterebbero nella Unione Europea, potrebbero fare ciò sulla base del diritti della libera circolazione degli individui fino al 31 Dicembre 2020, che diventerebbe il “cut-off date”.
• Dopo il 31 Dicembre 2020 (“cut-off date”) i cittadini della Unione Europea sarebbero idonei a restare in Uk. Similmente, i datori di lavoro continuerebbero ad avere accesso alla forza di lavoro della Unione Europea fino al “cut-off date”.
• I cittadini dell’Unione Europea che arriverebbero nel Regno Unito dopo la “cut-off date” sarebbero soggetti al nuovo sistema di immigrazione (non ancora determinato).
• La Bozza del WIthdrawal Agreement provvede che i membri delle famiglie potranno continuare a fare parte dei cittadini della EU nel Regno Unito fino alla “cut-off date”. Dal 1 di Gennaio 2021, ai membri delle famiglie sarà concesso di entrare nel Regno Unito sotto il diritto di libera circolazione degli individui, a condizione che possano fornire prova che le loro relazioni famigliari con i cittadini della EU esistevano prima del 31 Dicembre 2020, queste includono relazione matrimoniali; figli sotto i 21 anni; figli dipendenti oltre i 21 anni; famigliari direttamente dipendenti su di loro in linea discendente e bambini nati o addottati dopo il 31 Dicembre 2020 potrebbero anche essere idonei , in alcune circostanze. Si prevede che i membri di una famiglia che entreranno nel Regno Unito dopo la “cut-off date” che non rientreranno nelle eccezioni elencate di sopra, saranno soggette alle regole di immigrazione del Regno Unito che correntemente richiedono uno stipendio minimo di £18,600 (o del risparmio minimo di £62,500 tenuti per parte per un minimo di 6 mesi). A quei cittadini della Unione Europea e i loro membri famigliari che risiederanno nel Regno Unito dopo la cut off date e che desidereranno restare nel Regno Unito sara’ categoricamente richiesto di far domanda per un “Settle Status Document” (anche se sono già in possesso di un documento rilasciato sulla base della legge della libera circolazione dell’Unione Europea). Per acquisire un settled status Document, verrà richiesto di essere residente per 5 anni consecutivi nel Regno Unito prima del cut-off date. Se si hanno meno di 5 anni di residenza, verrà rilasciato un “pre-settled” status per fare in modo che la persona sia in grado di completare i 5 anni, e diventare così idoneo ad ottenere il settled status. Il sistema di applicazione per il “settled status” sara’ semplificato e la procedura accelerata grazie al fatto che ci sarà la possibilità di essere fatta online o con una domanda via cellulare (con l’opzione di completare un modulo cartaceo per coloro che non dovessero essere in grado di fare domanda online). La domanda implicherà 3 passaggi principali, (a) prova di identità caricando un documento ufficiale; (b) conferma di continua residenza con un sistema di controllo da parte delle autorità delle tasse; (c) dichiarazione di condanna penale.

La tariffa per il processo di applicazione sarà di £65 per coloro che avranno o saranno al di sopra di 16 anni e di £32.50 per i minori di 16 anni. Coloro che saranno già in possesso di un documento di Residenza Permanente potranno scambiarlo gratuitamente per un “settled status” mostrando un valido ID e una prova di continua residenza nel Regno Unito e sempre a patto di avere la fedina penale pulita.

Dominic Pini