La valle del Belice al centro di una mostra a Londra

La valle del Belice al centro di una mostra a Londra

Mezzo secolo dopo il terrible terremoto

60
SHARE

La valle del fiume Belice, devastata nel gennaio del 1968 da un terribile terremoto, è al centro di una mostra del giovane artista siciliano Vincenzo Muratore che è stata inaugurata il 6 dicembre scorso dal Console Generale a Londra Marco Villani.

Il progetto espositivo, ospitato dal Consolato Generale e in calendario fino al 23 gennaio, è una riflessione personale, estetica e antropologica sul concetto di ricostruzione, stratificazione e trasformazione dei luoghi e delle comunità con cui Muratore si è relazionato per tanti anni tra impegno concreto e osservazione partecipante. La mostra esplora il concetto di sintesi, inteso come la combinazione di componenti o elementi che formano un unicum connesso e non a caso l’artista – che vive e lavora a Londra – l’ha intitolata “Synthesis” . “Così come per i processi naturali, lo stesso avviene per l’uomo e per la comunità umana che sono la sintesi contemporanea di culture ed eventi che si sono stratificati nel tempo”, spiega Muratore.

L’esposizione, a cura di Elisabetta Rizzuto e con il contributo del Prof. Maurizio Carta, analizza questo concetto attraverso un percorso che conduce dalle opere scultoree create a Londra fino a quelle architettoniche realizzate dall’artista sul territorio belicino presso la Comunità Trinità della Pace di Contessa Entellina (PA) negli ultimi dieci anni.

La mostra comprende una sezione fotografica dedicata a otto città siciliane – Sambuca di Sicilia, Menfi, Sciacca, Contessa Entellina, Santa Margherita di Belice, Montevago e Poggioreale – che testimonia il passaggio degli eventi storici e naturali susseguitesi su questi territori.

In questa sezione spicca la Valle del Belice, dove l’artista è cresciuto, che è stato martoriato dal terremoto del ‘68 costato la vita a più di duecento persone e quasi completamente annullato antropologicamente dalla ricostruzione.

Nel programma della mostra è stata inclusa una conferenza, coordinata dal Prof. Maurizio Carta, in calendario per il 22 gennaio al Consolato Generale D’Italia a Londra con la presenza di alcuni Sindaci del territorio belicino. Patrocinata dall’Assessorato ai beni culturali e all’identità siciliana e dall’Assemblea Regionale Siciliana, l’iniziativa ha avuto il supporto delle Strade del Vino Terre Sicane, Club Bella Italia Londra e della Comunità Trinità della Pace.

La Redazione