Italiani post Brexit: ecco cosa fare

Italiani post Brexit: ecco cosa fare

595
SHARE

Che fare? Dopo il risultato del referendum del 23 giugno vinto da chi vuole uscire dall’Unione Europea, ed una volta assorbito lo shock iniziale, è giunto per noi italiani residenti nel Regno Unito il momento di porci domande sul futuro e tutelarci da possibili
cambiamenti.

La nuova Primo Ministro Theresa May ha confermato che i diritti dei cittadini dell’Unione Europea “non verranno toccati ma allo stesso tempo ha affermato che ciò dipenderà dal trattamento dei cittadini Britannici nel resto dell’Unione.
Non è facile prevedere cosa effettivamente cambierà ma è possibile che in futuro il governo introduca un permesso di soggiorno per cittadini europei che intendono rimanere nel Regno Unito per più di tre mesi.
In un tale clima di incertezza è meglio mettersi al riparo da possibili problemi, ed ecco che cosa possiamo fare.
Se risiediamo nel Regno Unito da meno di cinque anni possiamo ottenere una ‘registration card’, cioè un documento che conferma la nostra residenza legale nel Paese. Tale documento si puo’ ottenere facendo domanda all’Home Office. Il costo della domanda è di £65, che non vengono restituiti anche in caso che la domanda sia respinta.
Il registration certificate è normalmente valido per cinque anni.
Se abbiamo già completato cinque anni di residenza nel Regno Unito è invece possibile richiedere un documento che conferma l’ottenimento della ‘permanent residence’, cioè un permesso di soggiorno a tempo indeterminato. Anche questa domanda va presentata all’Home Office, deve essere inoltrata via posta e costa £65 a persona. Vanno allegati vari documenti a
riprova che abbiamo effettivamente vissuto in Gran Bretagna per almeno cinque anni come lavoratori subordinati o autonomi, studenti o persone finanziariamente autosufficienti.
L’Home Office ha l’obbligo di dare una risposta entro sei mesi, anche se in pratica attualmente sembra che i tempi siano più lunghi.
L’ottenimento della permanent residence è un requisito
essenziale per poter fare eventualmente domanda di cittadinanza
britannica.
Il certificato di ‘permanent residence’ è molto importante in quanto conferma che abbiamo il diritto di rimanere nel Regno Unito a tempo indeterminato e quindi ci mette al riparo da possibili cambiamenti nella legislazione relativa all’immigrazione. La permanent residence si perde soltanto se lasciamo la Gran Bretagna per due anni consecutivi.
Se abbiamo familiari extra-europei che sono nel Regno Unito con noi, è ancora più importante richiedere questi documenti.
La procedura non è sempre semplice, richiede tempo e la conoscenza di varie regole. Pertanto è una buona idea
ottenere assistenza legale.

Per ulteriori informazioni:
Email: info@sliglaw.com
Tel: 020 7489 2014
www.sliglaw.com