Strumenti di tortura? No di seduzione

Strumenti di tortura? No di seduzione

680
SHARE

Un trionfo di busti e corsetti con contorno di ferramenta varia per contenere, espandere, modellare gli abiti nell’Inghilterra giorgiana, vittoriana e contemporanea, una mostra allettante e adescatrice per nostalgici, feticisti, perversi o solo curiosi al V&A Museum di Londra, il tempio del Design e quindi della Moda attraverso le Epoche.

In “Undressed: a brief history of underwear” la curatrice Edwina Ehrman ha messo in mostra 200 pezzi rastrellati in armadi e cassapanche delle nonne che vanno dai reali mutandoni della madre della Regina Vittoria a quelle anatomicamente rinforzate dell’attrice Kim Kardashian per arrotondare in modo sexy il suo posteriore nella sua contemporanea serie televisiva. Cosa si prova a indossare un corsetto? Un po’ di fatica a respirare, tant’è che nelle epoche suddette svenire non era solo una posa per essere interessanti e nella mostra ci sono anche raggi X che testimoniano come la moda del busto alterava la cassa toracica. D’altra parte si verificavano poche ernie del disco e lo indossavano anche gli uomini per sostenere la spina dorsale quando andavano a cavallo. Più prosaicamente servivano alle donne del popolo per sostenere pesi e a quelle dell’alta società per mantenere una postura aristocraticamente eretta. Si capisce la mansione del “cavalier servente” per raccogliere quanto cascava di mano alle dame, impossibilitate a piegarsi.

CIS:T.51-1980

Una mostra di costume e società introdotta da mutande lunghe maschili a strisce rosa del 1890 prima di lasciare il campo alle variazioni sul tema femminili.
Si comincia comunque in età giorgiana quando gli uomini indossavano mutande doppie e le donne nessuna.
Alla fine del 19th secolo intervengono igiene e salutismo con indumenti “ascellari” di lana e cotone, il reggiseno varia da “bende contenitrici” fino a coni rotondi troppo a punta perfino per Madonna, mentre il costume “burlesque” di Dita Von Teese testimonia il ritorno del corsetto versione sexy in contrapposizione all’ ”Austerity Corset”di cartone intrecciato durante la prima guerra mondiale.

Innovazione e lusso, lussuria e moralità in una mostra apparentemente innocente che strizza l’occhio a sottintesi erotici come la famosa foto di Marilyn Monroe con la sottana alzata da un colpo di vento.

Margherita Calderoni Undressed: A brief history of underwear Victoria and Albert Museum Londra 16/4/2016 – 12/3/2017